Incontro alla Pia Opera

Immagine default

Incontro alla Pia Opera

 





L’impresa e l’impegno nel sociale



La Fondazione Pia Opera Ciccarelli propone alle imprese del territorio una riflessione sulla loro responsabilità sociale. L’incontro si terrà domani, alle 17, nella sala convegni della Pia Opera, in via Carlo Alberto 18. Il titolo del convegno è “I cambiamenti sociali in atto interrogano l’impresa” e ha come oggetto le considerazioni sugli attuali cambiamenti sociali in atto che stanno determinando delle modifiche generali su tutto il tessuto sociale e sull’impresa.

L’incontro sarà anche l’occasione per il Fondo di solidarietà Monsignor Ciccarelli (l’organismo che raccoglie fondi e li spende in iniziative benefiche e interventi di servizio) per presentare un primo bilancio degli interventi fatti gratuitamente a favore delle persone anziane in difficoltà che hanno comportato una spesa di oltre 45mila euro.

Tra questi spiccano gli oltre 5000 pasti offerti ad anziani, poveri e senza dimora, le 320 ore di assistenza domiciliare, i soggiorni per venti persone e i servizi di accompagnamento.

La Pia Opera vuole però sviluppare ulteriormente tale attività di solidarietà e il comitato che governa il Fondo presieduto da don Carlo Vinco e ha pensato di coinvolgere l’imprenditoria locale con il convegno. “Lo affermano indiscutibilmente anche i testi di letteratura pratica manageriale”, dice il direttore della Pia Opera Ciccarelli Sergio Gambarotto. “I risultati di un’impresa dipendono da varie componenti di tipo intangibile quali possono essere il valore della conoscenza e la capacità di innovare, il consenso e la fiducia delle diverse categorie di operatori, la reputazione e la disponibilità contribuire al benessere della comunità”.

“Oggi numerose ricerche stanno approfondendo l’analisi della possibile correlazione tra la responsabilità sociale delle imprese e prestazioni economico finanziarie”, continua Gambarotto. “Un numero sempre crescente di azienda sta adottando comportamenti socialmente responsabili in considerazione del risultato che deriva da un aumento complessivo della competitività Sono dell’avviso che le scelte di buone cause, come quelle proposte dal Fondo monsignor Ciccarelli per la solidarietà potrebbe essere considerata da parte dell’imprenditoria locale come un investimento. Un elemento che se integrato nella strategia aziendale condiziona positivamente i risultati dell’impresa e la sua competitività migliorandone le prospettive di sviluppo”.

Relatori nel convegno in programma domani pomeriggio saranno don Carlo Vinco, presidente della Fondazione Pia Opera Ciccarelli e del Fondo Monsignor Ciccarelli, Federico Testa, professore di economia e gestione delle imprese all’Università di Verona, don Virginio Colmegna, presidente della “Casa di carità” della diocesi di Milano e Gianluca Rana, presidente dell’associazione industriali di Verona.

Renzo Gastaldo



da L’Arena del 08/02/2006