La mia missione contro demenza e solitudine

<br />
<b>Notice</b>:  Undefined property: stdClass::$iten in <b>/var/www/vhosts/piaoperaciccarelli.org/httpdocs/templates/default/new.tpl.php</b> on line <b>42</b><br />
<br />
<b>Notice</b>:  Trying to get property of non-object in <b>/var/www/vhosts/piaoperaciccarelli.org/httpdocs/templates/default/new.tpl.php</b> on line <b>42</b><br />

La mia missione contro demenza e solitudine

 

I primi 100 giorni di monsignor Cristiano Falchetto alla presidenza della Fondazione Pia Opera Ciccarelli sono stati all’insegna della prudenza. L’istituto per anziani di San Giovanni Lupatoto che assiste circa 700 ospiti, in sette diverse sedi della provincia, con altrettanti dipendenti, era già «sulla retta via» (per usare un termine evangelico) e non necessitava di repentini cambiamenti di rotta.
Il sacerdote ha però una visione ben chiara di cosa dovrà essere la Pia Opera Ciccarelli fra tre o cinque anni. «L’istituto dovrà essere sempre di più vicino all’anziano, sia esso assistito nella struttura centrale o a domicilio, senza però rinunciare al suo posizionamento di punta fra le case di riposo per qualità dei servizi e all’anima profondamente cristiana iscritta nello statuto», dice don Falchetto.
Don Cristiano, che copre anche l’incarico di provicario della diocesi, sa però che il bello verrà nei prossimi mesi. «Il vescovo Giuseppe Zenti mi ha chiesto a inizio anno di rientrare da Roma per valorizzare sul territorio e in mezzo alla gente le competenze maturate in oltre sedici anni trascorsi in Vaticano».

Scarica di seguito l'articolo completo in pdf



Files disponibili