In San Giovanni l'ultimo saluto a Gambarotto

Immagine default

In San Giovanni l'ultimo saluto a Gambarotto

 

LE ESEQUIE. Domani pomeriggio alle 15

In San Giovanni
l´ultimo saluto
a Gambarotto

Oggi camera ardente e rosario nella Pia Opera Ciccarelli

  •  

mercoledì 29 febbraio 2012 PROVINCIA, pagina 26

Sergio Gambarotto

Si terranno domani pomeriggio alle 15, nella chiesa di San Giovanni Battista, i funerali Sergio Gambarotto, direttore generale della Pia Opera Ciccarelli, morto lunedì mattina per infarto mentre si trovava nell´ufficio di monsignor Carlo Vinco, parroco di San Floriano e presidente della Fondazione Pia Opera. La salma arriverà oggi dall´ospedale di Negrar, dove Gambarotto era stato subito trasportato per i soccorsi. La salma sarà ospitata nella chiesetta della Pia Opera Ciccarelli e sarà visitabile fino a sera: alle 16.30 e alle 20.30 verrà recitato il rosario. La camera ardente sarà aperta anche domani mattina.
Le esequie saranno concelebrate. Si attende una decina di sacerdoti. Per primi i parroci della chiesa di San Giovanni Battista che hanno rivestito l´incarico di presidenti della Fondazione Pia Opera Ciccarelli negli ultimi 30 anni e che hanno avuto al loro fianco Gambarotto come direttore generale. Sono quindi attesi don Giuseppe Manganotti, don Franco Fiorio, don Gianpietro Fasani, don Osvaldo Checchini e i sacerdoti che hanno ricoperto il ruolo di cappellano della Pia Opera.
Dice don Lanfranco Magrinelli, parroco di San Giovanni Battista: «Ho chiesto a don Carlo Vinco di dirigere l´ufficio funebre. Questa morte lascia un grande vuoto. Era un manager ma anche un mio grande amico, che sapeva in ogni situazione trovare la soluzione giusta. Non lavorava mai per sé ma sempre per un progetto. Era una persona affidabile e disponibile. Poteva sembrare, al primo contatto, che avesse la scorza dura ma alla prova dei fatti andava incontro ai problemi delle persone». Gambarotto era noto e stimato nell´ambiente socio-assistenziale regionale e provinciale. Il centralino della Pia Opera è stato sommerso dalle telefonate di condoglianze.
I funzionari dell´ente si sono stretti intorno alla famiglia (oltre alla moglie Milena, i tre figli Elia di 28 anni, Luca di 24 e Annachiara di 10).
Gambarotto era molto attento alla salute, praticava molto sport. Molti lo ricordano giovane atleta che si cimentava nel salto in lungo. Poi si era dato al tennis, negli ultimi anni anche al nuoto. L´attività sportiva sembrava proteggerlo dai malanni. Non aveva mai avuto nessuna avvisaglia dei problemi cardiaci che l´hanno stroncato a 59 anni. R.G.